Paw Paw Paw: il videogioco che avrebbe potuto sviluppare George Orwell
single.php

Ultimo aggiornamento il 12 Dicembre 2020 alle 19:30

Paw Paw Paw: il videogioco che avrebbe potuto sviluppare George Orwell

Il regno animale è sotto il giogo di un Re che obbliga tutti a indossare i pantaloni

Ve la ricordate La fattoria degli animali? Uno dei libri più interessanti di quel genio e visionario che era George Orwell: riproponeva i temi legati alla libertà e alla dittatura calandoli nel mondo animale. “Tutto ciò che va su due gambe è nemico”, così recitava il primo dei sette comandamenti. Meglio di interi trattati, quest’opera ci ha svelato le debolezze dell’animo umano, le sue meschinità e i rischi derivanti dal potere. Scendendo da questo Olimpo letterario vogliamo introdurvi a un videogioco che – forse azzarderemo – avrebbe fatto sorridere l’autore per una trama che può in parte richiamare all’universo narrativo orwelliano. Stiamo parlando di Paw Paw Paw, sviluppato da Simpleton: lo abbiamo testato su Nintendo Switch.

Leggi anche: Chicken Police, il noir animalesco in un mondo in bianco e nero

Paw Paw Paw: gli animali non indossano pantaloni

La storia è presto servita: il regno di Paw Paw Paw, abitato da simpatici animaletti tutti carini, era un luogo di pace. Fino a che il Re non ha svelato il proprio lato oscuro: d’ora in avanti tutta la fauna dovrà indossare i pantaloni, è la legge. Una scelta che non è certo dettata dalla moda, ma dai soliti capricci del potente di turno. Questo escamotage narrativo fuori dalle righe è sufficiente per apparecchiare una storia di bene contro  male. Su Paw Paw Paw cala il terrore: la resistenza “antipanti” è l’unica speranza.

Leggi anche: Su PlayStation 5 Spirit of the North, la volpe e la startup

A scorrimento orizzontale, il videogioco ci dà la possibilità di giocare in single player o in cooperativa. Sono quattro gli eroi che potremo impersonare per combattere il potere assoluto simboleggiato dai pantaloni. Con una grafica cartoon, Paw Paw Paw è un picchiaduro spassoso in un mondo fatato soltanto all’apparenza. Basta dare un’occhiata al sangue che verseremo dopo ogni battaglia per capire di quanta violenza c’è bisogno per salvare il regno. Sviluppato in livelli, il titolo procede con battaglie di varia difficoltà. Gli avversari saranno una marea e spesso in solitaria si dovrà sgomitare nella mischia. Ma, ehi, siamo animali allo stato brado: senza pantaloni siamo senz’altro più agili degli avversari.

Leggi anche: Fight Crab, l’inferno allo scoglio: granchi in lotta con pistole e spade laser

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche