Cyberpunk 2077: esce oggi il gioco che lancia la nuova era del gaming
single.php

Ultimo aggiornamento il 10 Dicembre 2020 alle 11:46

Cyberpunk 2077: esce oggi il gioco che lancia la nuova era del gaming

La recensione del nuovo titolo di CD Projekt. Da open world a open city

Benvenuti, di nuovo ancora, benvenuti a Night City. California del Nord, anno 2077. Scordatevi la Silicon Valley delle startup. Il nuovo mondo è fatto di guerra, armi, potere, e tecnologie feroci. Se siete nuovi di queste parti è opportuno farvi un riassunto per capire come mai attorno ai grattacieli e ai quartieri più ricchi di questa megalopoli regnano deserto e disperazione.

Night City: risorta dalla guerra

Tutto è cominciato negli anni Novanta del secolo scorso, quando le prime guerra corporative hanno devastato gli USA. Il conflitto arrivò fin nel cuore di Night City: il centro venne distrutto da una detonazione nucleare che la Casa Bianca attribuì alla potentissima corporazione Arasaka. La ripresa fu lenta e nei decenni successivi si arrivò ad un passo dall’invasione della città da parte dei NUSA (New United States of America) per riportare la città libera sotto l’egida federale. A un soffio dallo scontro, si siglò però la pace: Night City sarebbe rimasta indipendente. In ballo non c’erano rivendicazioni democratiche, ma soltanto la sete di ricchezza delle corporazioni che, da quel momento in poi, hanno dominato ogni centimetro della città. Ora però basta: è il momento di buttarsi. Signori e signori, ecco a voi Cyberpunk 2077.

Cyberpunk 2077: l’evoluzione dell’open world

Il nuovo gioiello della software house polacca CD Projekt si è fatto attendere per quasi un decennio. Era il 2012 quando gli sviluppatori annunciarono l’avvio dei cantieri di un videogioco ambizioso. Forse all’epoca la nostra immaginazione non poteva ancora figurarsi la densità di esperienza di un open city (l’evoluzione gaming dell’open world). Il day one è caduto in un momento propizio ed epocale per accelerare le vendite del titolo: la next gen è appena nata e Cyberpunk 2077 – che noi abbiamo provato su PlayStation 4 – promette davvero un’esperienza immersiva nuova, ponendosi come prima pietra miliare del gameplay del prossimo decennio. I bug che abbiamo ritrovato saranno senz’altro corretti da tonnellate di patch per ripulire il codice. Ma basta dare un’occhiata al prodotto finale: queste sbavature sono ampiamente scusate dalla la mole di sviluppo richiesta.

Leggi anche: Cloudpunk, la risposta a Cyberpunk 2077 della startup tedesca ION Lands

La storia di V

Cyberpunk 2077 è un complesso RPG in prima persona, pieno (anzi strapieno) di statistiche e potenziamenti che andranno a rafforzare il nostro personaggio. V, questo il suo nome, verrà disegnato dalla nostra fantasia in un editing all’avvio del titolo come pochi altri se ne erano visti. Oltre ai modelli predefiniti, abbiamo la possibilità di modellare l’anti-eroe in ogni centimetro della sua pelle. Curando smorfie, taglio dei capelli, occhi, potenza fisica e altre caratteristiche. La prima scelta, in capo soltanto alla nostra sensibilità, è però quella sull’origine che vogliano attribuire a V. Quale taglio vogliamo dare alla sua vita? Saremo un nomade che abita nella desertica periferia di Night City? Oppure preferiamo un profilo urbano, da vita da strada? Se neanche questo ci soddisfa potremmo considerare l’ipotesi della carriera in una corporazione. In qualsiasi situazione avremo comunque l’onore di incontrare il rocker Johnny Silverhand, al quale l’attore Keanu Reeves ha prestato volto, corpo e voce.

Leggi anche: The Last of Us 2, oggi esce un videogioco storico. Ecco perché

Ora che abbiamo potuto calpestare i marciapiedi di Night City, guidare le automobili e confrontarci con una vita durissima possiamo aggregarci al coro: Cyberpunk 2077 non è GTA. Ma neanche lontanamente. Siamo senz’altro in un esperienza free roaming, dove le missioni secondarie valgono tanto quanto la storia principale. L’impegno che ci richiederà lo sviluppo e la crescita dei talenti del nostro personaggio ci proietta tuttavia in un mondo meno, come possiamo dire, spensierato. Scordatevi di rubare auto e farla franca dopo due curve.

Leggi anche: Hideo Kojima: chi è il genio dietro al videogioco Death Stranding

Cyberpunk 2077: tentacolare

Negli ultimi mesi ci siamo avvicinati come milioni di altri gamer a questo giorno. Abbiamo letto le comunicazioni ufficiali di CD Projekt, approfondito ogni minuto di gameplay rilasciato. Se c’è però un prodotto che ci ha preso per mano, placando parte dell’impazienza, è stato Il mondo di Cyberpunk 2077, edito da Panini Books. Pagine e pagine ricche di sapere e nozioni per immergere la nostra immaginazione in un mondo spietato. Se siete di quei gamer che, conquistati da un titolo, non vogliono più separarsene, questa pubblicazione è un valido compagno di viaggio.

Leggi anche: Ghost of Tsushima, fantasmi del Giappone feudale echeggiano su PS4

Nessuno tocchi il Secondo emendamento

In Cyberpunk 2077 si gira armati. Il Secondo emendamento – “The right of the people to keep and bear Arm” – è ancora scritto sulla pietra e su tutte le bocche di fuoco registrate o clandestine. La vita di Night City è pericolosa: chi arriva da fuori città sopravvive poco se non si adatta, facendosi le ossa con carattere, leadership e mazzette. Come per i veicoli, anche nelle armi è stato fatto un lavoro sorpaffino: le armi a proiettili sono quelle più tradizionali (economiche ma affidabili); le armi tecnologiche sono potenziate da cannoni elettromagnetici e riescono a trafiggere perfino le corazze dei veicoli; le armi intelligenti utilizzano la tecnologia gyrojet: sviluppate nel 1960 e subito dopo abbandonate perché poco affidabili, sono state rispolverate dall’avanzamento della ricerca bellica e oggi usano un sistema di puntamento laser o sonico in grado di scansionare il bersaglio e prevederne i movimenti.

Leggi anche: DOOM Eternal, il re degli sparatutto torna per salvare la Terra

Prima di lasciarvi a Cyberpunk 2077 e alla sua vertiginosa densità videoludica, non possiamo non ritornare da dove eravamo partiti. Night City è caotica e piena di vita: basta un giro a piedi o in auto – in questa soluzione avremo la visuale in terza persona – per rendersi conto di quanto l’urbe tecnologica prosegua senza curarsi di noi. Quando ci rivolgiamo ai tantissimi NPC, scegliendo le risposte dei dialoghi e piegando la storia, i loro occhi ci seguono mentre ci spostiamo nello spazio, quasi come una Gioconda. Questo realismo è soltanto uno degli ingredienti: luci, costruzioni, traffico, cittadini sono strumenti di un’orchestra frenetica.

Leggi anche: Hyrule Warriors: L’era della calamità, sguainate le vostre spade

Da Night City parte il futuro

Come tanti altri siamo convinti che gli altissimi voti di Cyberpunk 2077 testimonino il fatto che qualcosa sia successo sotto il cielo del gaming. Oltre a PlayStation 5 e Xbox Series X/S, il 2020 si sarebbe già chiuso con The Last of Us Parte 2. Ma la produzione di Naughty Dog era forse il definitivo addio alla quarta era del gaming. Cyberpunk 2077, dopo mille rinvii, è nata in una nuova era. Probabile che molti si ricorderanno di questo videogioco, probabile che altre software house decideranno di esplorare queste linee distopiche e cyberpunk, probabile che il 2077 sarà davvero ricordato come un anno bellissimo.

Leggi anche: Watch Dogs: Legion. Salviamo Londra dalla dittatura scifi post Brexit

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche