CES2021 | 5000 volte Ryzen, la sfida di AMD | The Next Tech
single.php

Ultimo aggiornamento il 13 Gennaio 2021 alle 19:46

CES2021 | 5000 volte Ryzen, la sfida di AMD

Il CEO sul palco fa sfoggio di novità, partner importanti e idee chiare. L'obiettivo dichiarato è sfruttare il momento: con il debutto dei processori basati sull'architettura Zen 3, AMD vuole scalare classifiche di gradimento e di vendita

Ci sono novità pure per i desktop, ma è indubbio che che il focus attuale di AMD siano i portatili: è qui che si gioca la partita grossa del settore, è qui che sta scalando le classifiche, è qui che sta mostrando un gradimento sempre maggiore da parte del pubblico e dei produttori. Così a Las Vegas il CEO, Lisa Su, è salito su un palco virtuale per dare il benvenuto ai suoi ospiti e alla nuova generazione di Ryzen destinati ai laptop. Un numero considerevole di novità, alla fine conteremo quasi 20 nuove CPU, che spinge più su l’asticella per AMD stessa e per la concorrenza: ci sarà veramente divertirsi durante questo 2021.

Tanti core e megahertz per tutti

Ce n’è per tutti i gusti: ci sono le nuove CPU di classe U, quelle che limitano il TDP a 15W e che sono pensate per gli ultrabook, poi ci sono le HS da 35W, le H da 45 e infine le HX che superano persino i 45 watt. Sono davvero tante le novità snocciolate nella serie Ryzen 5000 da AMD, con la Dottoressa Su impegnata a spiegare il valore di queste novità a ogni livello: che si tratti di computing da scrivania, che si tratti di Formula 1 o di studi scientifici, assieme a tanti partner come Microsoft o il team Mercedes F1 la sua azienda è impegnata a esplorare ciò che si può e non si può fare con questo silicio.

La punta di diamante di questo sforzo, almeno per quanto attiene noi comuni mortali che con i laptop ci giochiamo e ci lavoriamo, è il nuovo Ryzen 9 5950HX: capace di spingersi fino a 4,8GHz di frequenza con i suoi 8 core, grazie alla nuova architettura Zen 3 presentata lo scorso autunno in ambito desktop punta a conquistare e mantenere la leadership almeno in fatto di benchmark nei cuori e nelle menti dei consumatori. Si parla di un guadagno di circa il 15-20% rispetto alla già ottima piattaforma Ryzen 4000 dello scorso anno.

Scorrendo la lista si finisce poi per incrociare un altrettanto interessante Ryzen 7 5800U, la cui dote innegabile è senza dubbio quella di aver portato su un TDP da appena 15W i suoi 8 core con 20 megabyte di cache che girano a 4,4GHz di frequenza: con questi numeri, secondo AMD i laptop che montano questa CPU saranno comunque in grado di arrivare a coprire 17 ore abbondanti di autonomia, con l’obiettivo di costruire laptop compatti, sottili, ma alla bisogna capaci di garantire comunque performance adeguate. Facendo la felicità di creator e giocatori, che negli ultimi mesi hanno iniziato ad apprezzare sempre di più l’offerta Zen 3.

C’è solo un piccolo dettaglio da sottolineare, per evitare sorprese: in mezzo alle nuove SKU annunciate in questa serie 5000 ci sono anche tre processori che non dispongono della nuova architettura Zen 3, ripiegando sulla pur ottima Zen 2 che abbiamo visto già lo scorso anno. Si tratta di Ryzen 7 5700U, Ryzen 5 5550U e Ryzen 3 5300U: si tratta di un peccato veniale, difficile poi che vedremo tanti PC assemblati con queste CPU, ma è bene saperlo.

I nuovi EPYC Milan e i nuovi Threadripper

Novità interessanti ci sono anche per il comparto server e per le workstation. I primi possono contare sull’anteprima della nuova generazione dei processori EPYC, basati anch’essi sull’architettura Zen 3 e che vanno sotto il nome in codice di “Milan”: si tratta della prima volta che AMD ne parla in modo specifico per quanto attiene la data di uscita, indicata ora nel primo trimestre del 2021, e con i quali si vuole provare a dare la scalata al mondo dei server x86 dove Intel ha ancora una leadership piuttosto ampia. Anche qui è tutto uno sfoggio di benchmark e test che dimostrerebbero la superiorità di AMD, ma questo è un settore molto diverso da quello consumer: storicamente AMD ha perso il treno all’epoca di Opteron con un paio di passi falsi, parliamo di molti anni fa, lasciando di fatto il terreno sgombro alla concorrenza – oggi le cose sono molto diverse, ci sono più alternative, e non è detto che la leadership non possa essere rimessa in discussione.

Infine, AMD ha reso noto che ora sarà possibile acquistare – tramite fornitori selezionati – nuove versioni delle CPU Threadhripper destinate fin qui esclusivamente a workstation pre-assemblate. Parliamo di CPU con 16, 32 o 64 core e un TDP di 280W, che necessitano dunque un allestimento decisamente diverso da quello di un comune PC, che supportano 8 canali di memoria, memorie RDIMM e LRDIMM, e chi più ne ha più ne metta: hanno bisogno anche di schede madri e il resto del corredo di componenti opportunamente svukyooati, dunque bisognerà attendere anche annunci specifici in tal senso da parte dei produttori OEM.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche