Aground, su Nintendo Switch costruiamo una nuova civiltà
single.php

Ultimo aggiornamento il 24 Febbraio 2021 alle 10:53

Aground, su Nintendo Switch costruiamo una nuova civiltà

Una versione gaming di Cast Away. Riuscirete a sopravvivere?

Raccogliere e costruire, raccogliere e costruire. Aground inizia in maniera brutale, con un naufragio al quale è sopravvissuto il protagonista. In un’edizione gaming di Cast Away, il titolo è un survival che ci mette alla guida di un piccolo gruppo di superstiti ai quali è toccata tra capo e collo la responsabilità di fondare una nuova società in un’isola sperduta. Si parte dalle basi, costruendosi un rifugio con la legna che si trova sulla spiaggia per poi elaborare edifici ben più grandi, iniziare a coltivare del cibo e lavorare metalli preziosi ricavati dal sottosuolo. Sviluppato da Fancy Fish Games, Aground è un titolo che impegna, ma senza frustrazioni. Le cose da fare sono davvero tante e i potenziamenti crescono a vista d’occhio se ci si rimbocca le maniche.

Leggi anche: Ray’s The Dead: a capo di un esercito zombie. La versione gaming di Thriller

Aground: scava, scava sempre più scava

Realizzato in 2D Aground è un titolo fatto per chi ama l’esplorazione, anche nel sottosuolo. Il nostro protagonista riceve, ad esempio, il compito di raccogliere materie prime e a quel punto non resta che fare un buco nel terreno per inoltrarsi nel cuore della terra. Il videogioco mostra tutte le sua ambizioni nel gameplay. Il titolo è un RPG: più si lavorerà più il personaggio potrà migliorare in vita, forza e capacità di trasportare pesi sempre maggiori. L’inventario è ricco, tra cibo e altri oggetti da raccogliere e costruire (una vera libidine per gli amanti del crafting).

Leggi anche: Unturned, su PS4 il survival zombie che fa il verso a Minecraft

Come in tutti gli RPG è necessario tenere a bada le barre della vita e della resistenza, depositando più materiale possibile nei magazzini e poi tornare all’esplorazione. Trattandosi di sopravvivenza non poteva mancare il combattimento con bestie feroci. In questo versante il titolo non dà però troppe soddisfazioni, anche per via di una grafica dot decisamente essenziale.

Leggi anche: Re:Turn – One Way Trip | Da dove viene il treno degli orrori?

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche