Teufel Supreme In, gli auricolari a prova di call da smartworking (ma pure di sportivo) | The Next Tech
single.php

Ultimo aggiornamento il 25 Febbraio 2021 alle 12:10

Teufel Supreme In, gli auricolari a prova di call da smartworking (ma pure di sportivo)

Pratico ed elegante, siamo di fronte a un accessorio che non costa poco ma compensa con l'alta qualità dei materiali e del design

L’arrivo anche nel nostro Paese dello store digitale di Teufel, azienda nata a Berlino nel 1979 come rivenditore di componenti e kit fai-da-te per altoparlanti e oggi tra le più rinomate nel mondo dell’audiofilia, ha consentito agli appassionati del lifestyle digitale di accorciare le distanze con i loro oggetti del desiderio e acquistare un buon numero di prodotti che, lo diciamo subito, sono mediamente più cari dei rivali sul mercato ma puntano tutto sulla qualità del suono e del design. Abbiamo avuto modo di provare le cuffie Teufel Supreme In per diverse settimane. Ecco com’è andata.

Teufel Supreme In

Il primo impatto è sicuramente dei migliori. Fin dalla confezione (che include la custodia per il trasporto, il cavo di ricarica e 2 paia di adattatori in silicone), realizzata rigorosamente in materiali ecosostenibili, si avverte che si è di fronte a un prodotto raffinato. Si tratta di auticolari con driver HD lineari da 10,7 mm che, dobbiamo ammetterlo, hanno nella vestibilità il proprio punto di forza: impossibile che scivolino, non creano attriti con l’orecchio nemmeno dopo sessioni particolarmente intense.

Teufel Supreme In

Questo permette alle Teufel Supreme In di essere l’accessorio ideale tanto quando si va a correre, visto che pur venendo sballottate restano ancorate saldamente all’orecchio (inoltre, non isolano dall’ambiente circostante, quindi non creano situazioni di pericolo nel traffico), tanto in particolar modo nelle nostre call casalinghe da smart working: abbiamo avuto modo di indossarle per diverse ore senza provare fastidi di sorta. Il posizionamento è regolabile con passante e adattatore in silicone, così da non dare fastidio neppure se si portano gli occhiali.

Teufel Supreme In

Sul fronte tecnologico, le cuffie Teufel Supreme In vanno in standby se indossate intorno al collo, presentano connettività Bluetooth 5.0 con aptX  e AAC per lo streaming di musica, hanno integrata la funzione vivavoce con tecnologia Qualcomm cVc e lungo il cavo hanno il telecomando per regolare microfono e volume. Quanto all’autonomia, quella dichiarata parla di 16 ore, noi siamo riusciti a superare in diverse occasioni le 18, soprattutto se invece di ascoltare musica si partecipa alle call. Presentano poi la funzione di ricarica rapida.

Leggi anche: A secco sul più bello? Non col Power Bank Fast Energy 20.000 mAh

Nonostante diversi indizi, come l’aderenza all’orecchio, la forma e l’impiego di materiali impermeabili e anti-sudore suggeriscano che le Teufel Supreme In siano state pensate anche per chi fa sport e cerca nelle cuffie non tanto qualità audio (che anzi non deve mai distrarre dai rumori del traffico), dobbiamo comunque ammettere che il suono è piuttosto cristallino, enfatizzando bene i bassi (forse troppo?) e le note più alte. Quindi vanno bene per chi resta al tavolo di casa a organizzare call e per chi vive maggiormente in mobilità. Pratico ed elegante, siamo di fronte a un accessorio che non costa poco (119 euro) ma compensa con l’alta qualità dei materiali e del design. Perché anche l’occhio vuole la sua parte.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche