Relicta, cosa fareste se veniste abbandonati sulla Luna? | The Next Tech
single.php

Ultimo aggiornamento il 16 Aprile 2021 alle 11:12

Relicta, cosa fareste se veniste abbandonati sulla Luna?

Dalla startup di Valencia Mighty Polygon un puzzle game a dir poco "lunare"...

Un anno fa o poco più, questo curioso titolo sviluppato dall’iberica Mighty Polygon, startup di Valencia che si compone appena da cinque persone (Santi Alex Mañas, Luis Solé Honrubia, Marta Gil Sanchez, Javier Sanz García e Jorge Oliva Palacios), edito da Ravenscourt e distribuito da Koch Media arrivava su PlayStation 4, X-Box One, Stadia e PC e ci abbandonava sulla Luna, ormai avamposto abbandonato della razza umana. Lo giocammo con gusto in piena estate e ci ha fatto piacere ritornare oggi sul nostro satellite naturale in portabilità, grazie alla versione per Nintendo Switch.

Se guardando quest'immagine avete subito pensato a Portal... tranquilli, non siete i soli

Si ha così modo di attraversare locations dettagliate e suggestive (piuttosto canoniche, a dir la verità: la foresta, il mondo con la neve…) anche mentre si è al parco, sfruttando i rari frangenti di “zona arancione” che ci permettono di godere di questo scampolo di primavera. Gli stage che attraverseremo spaziano dalla giungla equatoriale a torridi deserti, fino ad arrivare a ghiacciai perenni. Alcune locations ci hanno ricordato, non sappiamo bene perché, Tallon IV di Metroid Prime. Ma in realtà che si incespichi sotto il sole battente che brucia il deserto o con la neve fino alla cintura, nel tentativo di scoprire i segreti celati dalla Base Chandra, il gameplay di Relicta non cambia di una virgola.

 

 

Relicta è infatti un puzzle game in prima persona (da qui il fatto che rimandi inevitabilmente a Portal) basato sulla fisica in cui occorre combinare in maniera creativa magnetismo e gravità. Purtroppo, i nostri poteri non sono esercitabili liberamente sull’ambiente di gioco (sarebbe stato di gran lunga più divertente), ma limitati all’interazione con grossi cubi di Rubik fantascientifici. Invertendo la loro polarità sarà possibile attivare interruttori e mettere in moto piattaforme mobili. Più facile a farsi che a dirsi, perciò se non avete compreso bene la dinamica di gioco, guardate il video di gameplay posto qua sopra.

Non è che di colpo siamo finiti in The Last of Us?

Progredendo con il gioco, Relicta offre via via sfide sempre più stimolanti ed appaganti arrivando a fondere tra loro le regole di gameplay che gli sviluppatori avranno cura di illustrarvi durante le prime ambientazioni. Da buon puzzle-game, non aspettatevi un incedere indiavolato: la vostra indagine lunare sarà più simile a una rilassante passeggiata.

Leggi anche: Stormind Games: “Il Covid ci ha aiutato a vedere le nostre lacune organizzative”

Poteva mancare l'ambientazione ghiacciata?

La qualità delle ambientazioni (purtroppo alcune sembrano troppo dei set cinematografici e regalano l’impressione di essere “finte”) su Nintendo Switch non è elevata come sulle altre console ma spinge comunque all’esplorazione, che avanzando nella trama diverrà un carattere essenziale dell’avventura, dato che alcuni meccanismi sono stati nascosti in zone remote del livello.

Le ambientazioni sono molto belle, ma in qualche occasione danno l'impressione di essere "finte"

Relicta-gameplay-derelitto?

Ecco, quella purtroppo sarà l’unica variante sul tema concessa dagli sviluppatori, ed è un vero peccato perché se nelle prime ore Relicta appassiona, dopo qualche tempo si avverte l’esigenza di variare, aggiungere un po’ di pepe al tutto. Invece i rompicapi continuano a ricalcare la formula originale, limitandosi a crescere in complessità (e a nascondere qualche elemento nel folto della vegetazione o in un angolo recondito dello stage). Comunque, Relicta, seppur con qualche inciampo tecnico di troppo su Switch, resta un buon puzzle game anche se non all’altezza di Portal, ormai storica serie di Valve. Non che, in tutta onestà, ci aspettassimo dall’opera prima dello studio di sviluppo di Valencia un capolavoro di tale innovazione, sia chiaro. Le premesse perché la software house spagnola cresca molto bene, però, ci sono tutte.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche