Rescue Matilda, il videogioco di Chiara Ferragni. L'intervista allo sviluppatore
single.php

Ultimo aggiornamento il 27 Aprile 2021 alle 10:10

Rescue Matilda, il videogioco di Chiara Ferragni. L’intervista allo sviluppatore

Samuele Sciacca ha realizzato l'advergame dedicato all'imprenditrice digitale più famosa

Chi segue Chiara Ferragni non può non conoscere anche Matilda, il bulldog francese membro a tutti gli effetti della famiglia Ferragnez. Abbiamo imparato a conoscere il loro legame con i post, le foto e le story e, da oggi, anche grazie a un nuovo videogioco che vede l’influencer più famosa del mondo e la sua cagnolina coprotagoniste. Si chiama Rescue Matilda, il titolo gratuito – qui il link – disponibile sia su mobile sia su browser, in cui dobbiamo far muovere Chiara in un platform da cinque livelli complessivi. L’obiettivo è salvare Matilda. Si tratta di un nuovo esempio di advergame, voluto dallo stesso brand Chiara Ferragni, in cui gli utenti si registrano tramite mail. «Al cliente piaceva molto l’idea del platform – ha commentato a StartupItalia Samuele Sciacca, sviluppatore del titolo prodotto da Gamindo in collaborazione anche con il Pixel Artist ManoloThe_OlukSaviantoni – si finisce in una decina di minuti, ma alcune persone hanno addirittura giocato un’ora per entrare in classifica».

Leggi anche: Al Bano: la felicità è l’uomo che sconfigge i dinosauri. Ora in un videogioco

Rescue Matilda: come nasce il progetto

Trattandosi di Chiara Ferragni, l’idea non poteva che nascere sui social. Come ci ha spiegato Samuele Sciacca, il progetto di Rescue Matilda è infatti sbocciato mesi fa da un post LinkedIn di Nicolò Santin, Ceo e Cofounder di Gamindo, nel quale l’imprenditore si prefigurava il successo di un videogioco dedicato all’imprenditrice digitale più famosa d’Italia. «Chiara Ferragni – ha aggiunto lo sviluppatore – ha giocato in anteprima all’advergame e ci ha dedicato diverse story su Instagram». In più la pagina ufficiale del brand ha pubblicato un post dedicato per spingere i follower a registrarsi. Con questa strategia la società punta ad allargare il proprio database di mail a cui spedire newsletter e comunicazioni.

Leggi anche: Coronavirus, De Luca diventa un videogioco. Lanciafiamme sui neolaureati

Le opportunità dell’advergame

L’esplosione dei videogiochi a livello globale è stata fotografata di recente: nel 2020 i ricavi sono arrivati a 175 miliardi di dollari, generati da un pubblico mondiale di gamer composto da 2,7 miliardi di persone. In tutto questo l’advertising e il gaming hanno trovato più punti di incontro. «Sviluppiamo advergame da diversi anni – ha concluso Samuele Sciacca – di recente io e Manolo Saviantoni abbiamo realizzato il videogioco ufficiale di LOL (la serie disponibile su Amazon Prime Video, ndr). Dopo il lockdown le aziende hanno cercato di trovare nuovi strumenti per promuovere servizi e brand. L’advergame sta crescendo ovunque, soprattutto in Italia».

Leggi anche: Come si diventa e quanto si guadagna da gamer professionisti. Intervista al campione del mondo

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche