Su Nintendo due punta e clicca per gamer con l'occhio di falco
single.php

Ultimo aggiornamento il 28 Aprile 2021 alle 18:11

Su Nintendo due punta e clicca per gamer con l’occhio di falco

Le recensioni di Emily Archer and the Curse of Tutankhamun e di The Seven Chambers

Se c’è una software house che ha saputo legare il proprio nome a un genere gaming, ebbene quella è Ocean Media. Azienda con sede in Croazia, ha sfornato diversi videogiochi punta e clicca che, su questo verticale, abbiamo recensito più e più volte. Dalle avventure di Faircroft’s Antiques fino ai misteri ottocenteschi rielaborati sulla base di capolavori della letteratura. Il filo rosso che collega tutti questi titoli è il gameplay: su Nintendo Switch sfruttiamo il touch screen della console per trovare oggetti nascosti in ambienti statici e venire a capo di enigmi. In questa recensione parliamo di Emily Archer and the Curse of Tutankhamun e di The Seven Chambers.

Leggi anche: Il mistero e il soprannaturale in due titoli punta e clicca su Nintendo

 

Emily Archer and the Curse of Tutankhamun

Nello stile dei migliori gialli di Agatha Christie, il primo dei titoli che andiamo a presentare – Emily Archer and the Curse of Tutankhamun – racconta di un viaggio in Egitto, dove la protagonista, Lady Archer, viene invitata dall’amico Lord Carnarvon per ammirare il magnifico tesoro di Tutankhamon. Come spesso accade in simili situazioni, una morte improvvisa stravolge i piani e Lady Archer dovrà indagare sul misfatto. Il gameplay, come già accennato, procede per situazioni di gioco statiche in cui gli sviluppatori hanno disegnato ambienti ricchi di dettagli in cui il gamer deve ritrovare gli oggetti richiesti. Brevi fasi di dialogo completano la trama, dandole un’ordine fino all’epilogo.

Leggi anche: Cyanide & Happiness – Freakpocalypse, su Nintendo il diario di una schiappa

The Seven Chambers

A differenza del primo titolo, The Seven Chambers offre un gameplay leggermente più ricco, tra enigmi e situazioni di gioco. Gli sviluppatori di Ocean Media raccontano la storia di Elasaid, donna caduta in uno stato di coma. Da questa terribile esperienza la sua vita cambia e, nella sua immaginazione, inizia un viaggio da guerriera delle Highland. La trama non è irresistibile, ma nello sviluppo è stata introdotta qualche miglioria con ambienti meno statici (oggetti e animali si muovono) e anche le sfide risultano meno ripetitive per il gamer.

Leggi anche: Faircroft’s Antiques, su Switch anche la gemella di Lara è a caccia di tesori

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche