Mate-XT, il nuovo esoscheletro indossabile per i lavori in condizioni difficili | The Next Tech
single.php

Ultimo aggiornamento il 8 Dicembre 2020 alle 10:23

Mate-XT, il nuovo esoscheletro indossabile per i lavori in condizioni difficili

Nuova versione del dispositivo in fibra di carbonio utile ad alleggerire i movimenti in molti ambiti, dalla carpenteria all'assemblaggio e alla logistica. Migliorando la qualità della vita degli impiegati e la produttività

Si chiama Mate-XT ed è una nuova versione dell’esoscheletro indossabile progettato da Comau, una società del gruppo FCA e leader mondiale nello sviluppo di sistemi e prodotti avanzati per l’automazione industriale. Servirà a chi lavora in condizioni difficili in ambiente industriale, non industriale e all’aperto.

Mate-XT sfoggia una struttura sottile e leggera in fibra di carbonio e un sistema di regolazione intuitivo, con un design resistente all’acqua, alla polvere, ai raggi UV e ad alte temperature. Si può adattare in modo rapido a qualsiasi corporatura ed è altamente traspirante, grazie all’utilizzo di un tessuto ad alte prestazioni sviluppato per condurre attività all’aperto.

Servirà per limitare conseguenze fisiche e incidenti nei lavori di carpenteria, edilizia, agricoltura, assemblaggio, logistica e diversi altri settori: l’esoscheletro replica i movimenti fisiologici dell’operatore, dando un supporto alla parte superiore del corpo senza bisogno di batterie, motori o altri dispositivi soggetti a guasti o manutenzione continua. Sono otto i diversi livelli di sostegno che l’operatore può impostare o modificare rapidamente senza interrompere la propria attività.

La certificazione Eaws

Non solo: Mate-XT è l’unico esoscheletro disponibile in commercio con certificazione EAWS (Ergonomic Assessment Work-Sheet), che attesta la capacità di ridurre i carichi biomeccanici durante l’esecuzione di attività particolarmente impegnative. In base a studi effettuati presso i clienti utilizzando il metodo di calcolo EAWS, secondo valutazioni Comau, l’esoscheletro indossabile Mate-XT può contribuire ad aumentare del 27% la precisione di lavoro durante attività con le braccia sollevate e del 10% la velocità di esecuzione. In più, consente di ridurre i tempi ciclo di almeno il 5%. Da un punto di vista operativo, Mate-XT favorisce precisione, qualità e prestazioni più elevate. Nel contempo riduce l’attività muscolare della spalla del 30% e lo sforzo percepito, come riferito da oltre il 50% dei lavoratori che ha osservato miglioramenti positivi nella qualità del lavoro.

Mercato in crescita del 40%

Mate-XT è il risultato del nostro costante impegno per migliorare la produttività e il benessere di chi lavora in ambiente industriale, non industriale e all’aperto, un pilastro fondamentale del nostro approccio HUMANufacturing – spiega Pietro Ottavis, chief technology officer di Comau – riteniamo che il mercato globale degli esoscheletri registrerà nei prossimi 5 anni un tasso annuo di crescita fino al 40% e il settore industriale rappresenterà quasi la metà di questo volume. Abbiamo ridotto il peso e l’ingombro di Mate-XT, aumentandone le prestazioni per soddisfare al meglio le esigenze di un mercato degli esoscheletri in continua espansione. Inoltre, siamo orgogliosi di aver sviluppato questo nuovo prodotto in stretta collaborazione con i nostri partner, Iuvo e Össur, e con i numerosi operatori che lo utilizzano per svolgere i propri compiti con minor fatica”.

I dispositivi sviluppati da Comau includono tecnologie e sistemi per la produzione di veicoli elettrici, ibridi e tradizionali, robot industriali, soluzioni di robotica indossabile e collaborativa, strumenti per la logistica a guida autonoma, centri di lavorazione meccanica dedicati, servizi digitali interconnessi e sistemi in grado di trasmettere, elaborare e analizzare dati macchina e di processo. Con oltre 45 anni di esperienza sul campo e una forte presenza nei maggiori Paesi industrializzati, Comau supporta le aziende costruttrici, di tutte le dimensioni e di qualunque settore, a migliorare qualità e produttività, riducendo time-to-market e costi complessivi. Con un centro direzionale a Torino, il gruppo opera attraverso una rete internazionale di sette centri di innovazione, cinque digital hub, otto stabilimenti di produzione, in cui lavorano oltre 9mila persone, presenti in 14 Paesi. Attraverso le attività di formazione curate dalla sua Academy, Comau si impegna inoltre a sviluppare le conoscenze tecniche e manageriali necessarie alle aziende per affrontare le sfide e le opportunità dell’Industria 4.0.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche