Pornhub: A più della metà degli italiani è mancato un momento intimo durante il lockdown | The Next Tech
single.php

Ultimo aggiornamento il 14 novembre 2020 alle 8:14

Pornhub: A più della metà degli italiani è mancato un momento intimo durante il lockdown

L'indagine di Pornhub con Eumetra traccia una geografia del porno online nei mesi scorsi: il 37% ha sentito la mancanza del sesso, il 10% ha scoperto nuovi contenuti

Come sono cambiate le abitudini sessuali degli italiani durante il lockdown e nei mesi seguenti? Risponde Pornhub – e chi sennò? – la principale piattaforma online d’intrattenimento per adulti, in una ricerca realizzata con Eumetra, stilata sulla falsa riga di un’altra indagine francese firmata dall’Institut Français d’Opinion Publique. Eumetra ha però studiato e approfondito anche i cambiamenti e mutamenti avvenuti nelle consuetudini di utilizzo dei siti di intrattenimento per adulti. È stata realizzata tra il 29 settembre e il 2 ottobre su 1.202 casi rappresentativi della popolazione italiana per genere, età, area geografica e ampiezza demografica.

I risultati dell’indagine

Cosa esce dall’indagine? Per esempio, che in media più di cinque italiani su dieci hanno sentito la mancanza di almeno un momento di convivialità e/o di tenerezza e intimità durante il lockdown, un dato in linea con quello francese e d’altronde piuttosto prevedibile. Nello specifico, ciò che è mancato di più durante il periodo di quarantena imposto agli italiani la scorsa primavera è stato avere momenti festivi e ricreativi, 81% – soprattutto al Sud, seguito dalla condivisione di momenti di tenerezza, 52% – in particolare tra i giovani e chi vive da solo, e infine la mancanza di sesso nel 37% dei casi, ancora in particolare tra i giovani e chi vive da solo.

A influire su questo “senso di solitudine” c’è probabilmente anche la compagnia goduta durante la quarantena: il 34% del campione intervistato ha infatti passato il lockdown da solo e il 59% in compagnia di un coniuge o partner sessuale; il restante 7% ha trascorso il suo tempo in parte in solitudine e in parte con un partner.

Le difficoltà dei single

Secondo il 61% degli intervistati, per i single ora è più difficile incontrare un nuovo potenziale partner, e il timore dell’infezione ha influito in maniera sostanziale – e aggiungiamo, più che giusta vista la prudenza necessaria nei rapporti interpersonali – sul modo di vivere la propria vita sessuale e sentimentale: in media più di tre italiani su dieci hanno evitato situazioni in cui si sarebbe potuto instaurare un rapporto per paura del contagio. Nello specifico, il 43% non ha frequentato luoghi in cui si sarebbe potuto incontrare un potenziale partner sessuale, il 34% ha evitato di baciare qualcuno e il 27% di avere rapporti sessuali con qualcuno che gli piace.

Traffico in aumento del 30% durante il primo lockdown

Durante il lockdown primaverile il traffico su Pornhub proveniente dall’Italia ha su subìto un aumento medio giornaliero del 30%. L’8% degli intervistati ha guardato per la prima volta siti di intrattenimento per adulti in coppia proprio durante i mesi di isolamento. Tra coloro che invece hanno avuto una fruizione più solitaria (33%), si registrano picchi in chi ha rapporti sessuali meno di frequente. Tra quelli che li guardano in coppia (6%), invece, troviamo anche chi ha una vita sessuale più viva, con rapporti sessuali da due a più di tre volte a settimana.

Il 10% ha scoperto nuovi contenuti

Possiamo ipotizzare che questo periodo di isolamento in casa abbia aiutato nella scoperta di sé – spiegano da Pornhub – proprio durante il lockdown il 10% degli intervistati, infatti, ha dichiarato di aver scoperto nuovi generi di contenuti pornografici”.Chi ha scoperto generi nuovi, nel 77% dei casi ha anche continuato a guardarli dopo la quarantena, specialmente tra gli uomini (82%), i giovani (18-34 anni, 83%), chi è single (86%) e tra chi abita in grandi centri (87%).

Infine, per quasi due italiani su dieci i siti d’intrattenimento per adulti hanno aiutato a superare il periodo di lockdown (17%). Questo sentiment è particolarmente condiviso tra gli uomini (24%), tra i giovani (18-34 anni, 23%) e tra chi è in coppia (20%). “Pornhub ha sempre avuto un occhio di riguardo per gli italiani, tra gli utenti più fedeli del sito – ha commentato Corey Price, vicepresidente di Pornhub – siamo quindi contenti di sapere di aver aiutato, anche se solo in piccolo parte, a superare un momento così difficile”.

Le iniziative di Pornhub

Pornhub infatti durante il primo lockdown ha partecipato a varie iniziative a supporto dell’emergenza sanitaria in Italia, tra le altre cose devolvendo i proventi di marzo di Modelhub ad associazioni che operano sul territorio, e offrendo gratuitamente il servizio Pornhub Premium per tutta l’Italia nei mesi di marzo e aprile.

Siamo stati molto contenti di potere realizzare questa ricerca, commissionataci da Pornhub, perché ci ha permesso di esplorare con un approccio rigoroso temi spesso trascurati, ma molto importanti – ha spiegato Renato Mannheimer, membro dell’Advisory Board di Eumetra, che ha realizzato la ricerca assieme a Giulia Doneganiil fatto che metà degli italiani adulti abbia sentito la mancanza di almeno un momento di convivialità e/o di tenerezza e intimità durante il lockdown suggerisce la necessità di tenere conto sempre anche degli aspetti più personali della nostra vita. Speriamo di avere dato un contributo in questo senso”.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche