Ambiente

Tokyo 2020, le medaglie prodotte con smartphone e pc riciclati

Il comitato organizzatore dei giochi nipponici potrebbe realizzare i premi per gli atleti mettendo a frutto l’ottimo lavoro di recupero sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Le Olimpiadi di Rio de Janeiro si sono concluse da non molto. Ma sembra già passato tanto tempo. Nel giro di una settimana, infatti, mentre in Italia tornano a montare le polemiche per l’Olimpiade del 2024 a Roma – quelle che il Movimento 5 Stelle che governa la Capitale sembra proprio non volere mentre il governo ci ha scommesso molto – in Giappone già pensano a come premiare gli atleti fra quattro anni.

rio-2016-olympics-medals_1hko0oaxehu981n9pd27g1h4z9

I metalli preziosi nei telefoni

Nel 2020, infatti, i Giochi andranno in scena a Tokyo. E le medaglie d’oro, d’argento e di bronzo potrebbero essere prodotte in modo ecosostenibile. Come? Con i metalli preziosi estratti dai dispositivi elettronici riciclati come gli smartphone e i pc. Pochi sanno, infatti, che i nostri telefoni e molti altri apparecchi custodiscono minime ma significative, in un approccio di scala, quantità di metalli preziosi.

rifiuti-raee

Il caso Apple

Basti pensare che solo Apple ha dichiarato di aver raccolto nel corso del 2015, grazie al suo programma di riciclo, circa 40.800 tonnellate di rifiuti, recuperando più di 27.700 tonnellate di materiale. Tra questi c’erano 1.340 tonnellate di rame, 3 d’argento e una di oro, per un controvalore rispettivamente di 6,5, 1,7 e 43 milioni di dollari. Ha pure sviluppato un robot molto versatile, Liam, in grado di smontare efficacemente un iPhone in pochi secondi.

Quanto oro serve?

Quello giapponese sarà ovviamente un gesto simbolico. In fondo, prendendo per esempio Londra 2012, non serviranno grossi quantitativi: quattro anni fa bastarono neanche 10 chili di oro, 1.210 d’argento e 700 di rame, elemento principale del bronzo. Secondo Nikkei, l’oro e l’argento recuperati dai cosiddetti Raee, cioè i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, in Giappone costituiscono il 22 e il 16% delle riserve mondiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

6 lezioni che possiamo imparare dalla donna che ha mandato l’uomo sulla luna

Si chiama Katherine Johnson, ha 97 anni ed è una delle scienziate più importanti della Storia. Ha calcolato la traiettoria di volo dell’Apollo 11 nel suo primo volo nel 1969. Quest’anno è stata premiata da Barack Obama con la Presidential Medal of Freedom. Ecco cosa possiamo imparare dalla sua splendida storia.

Liam, il robot della Apple che smonta e ricicla gli smartphone

Liam è il robot della Apple che avrà un compito importantissimo: smontare i vecchi iPhone e riciclarne i pezzi. Rappresenta, una volta di più, l’impegno che l’azienda ha deciso di prendere nei confronti dell’ambiente.

Il primo giornale che si legge, si pianta e fiorisce

Prendi il quotidiano e leggilo. Poi, piantalo e innaffialo. In poco tempo nasceranno dei germogli. The Mainichi, testata giapponese (con una tiratura di circa 5 milioni di copie), è il primo “giornale verde” del mondo.

Le sigarette diventano plastica con Terracycle, che raccoglie i mozziconi in giro per il mondo

Tom Szaky ha trovato un modo per trasformare i mozziconi in plastica: ci ha fondato un’azienda, Terracycle, che raccoglie le sigarette in 20 paesi

Sempre più contactless e i pagamenti innovativi superano i 30 miliardi di euro

Il boom dei pagamenti contactless ne 2016 (+700% sul 2015) ha segnato una crescita positiva di tutti i “New Digital Payment”: il report dell’Osservatorio Mobile Payment&Commerce della School of Management del Politecnico di Milano

Un milione di dollari per migliorare la vita dei rifugiati: 5 progetti studenteschi in finale

Portare internet nei campi, sfruttare il biogas, fornire un sistema di trasporto ecologico, aiutare nell’apprendimento delle lingue e fornire una piattaforma per l’aiuto reciproco: sono le idee dei cinque team finalisti che si confrontano per un assegno da un milione di dollari

I 10 paladini del cibo sostenibile che si battono per un mondo migliore

Il sostegno agli agricoltori e alle comunità locali, le abitudini alimentari corrette, una produzione biologica e non intensiva: sono questi alcuni degli obiettivi delle personalità di questa lista che, con la loro attività quotidiana, vogliono preservare anche l’ambiente