Lifestyle

Al mare con lo smartphone. Cinque app per migliorare le giornate in spiaggia

Prenotare l’ombrellone, controllare le condizioni atmosferiche della meta balneare, scegliere le spiagge migliori, ottenere tutti i comfort possibili durante la vacanza: una selezione di cinque idee tecnologiche per cercare di soddisfare le esigenze dei turisti

Si aspetta a volte un anno intero per una settimana di vacanza. E nella maggior parte dei casi si finisce per scegliere il mare: il piacere di rimanere sdraiati al sole e di godere delle spiagge sembra essere ancora ineguagliato. È per questo che si sono diffusi strumenti tecnologici e applicazioni che aiutano i bagnanti a vivere al meglio il loro periodo di relax in riva al mare. Qui una selezione di cinque idee per una spiaggia tech.

1. Sunsiit

Sunsiit è un’applicazione ideata da tre ragazzi siciliani, Frank Nicoletti, Gaetano Gaglio e Gianfranco Arone Di Valentino, che consente di prenotare lettino e ombrellone sulla spiaggia in cui si intende trascorrere una giornata di relax. Il progetto, partito il 28 giugno, ha già visto l’adesione di circa 100 lidi in Sicilia e in altre località balneari nazionali. L’app permette di inserire la data desiderata e di verificare la disponibilità delle strutture convenzionate. A quel punto basta fare la prenotazione e si riceverà un’e-mail di conferma. Anche il pagamento è veloce e può avvenire tramite l’applicazione. Su questo filone si sono orientate anche altre startup come Book Your Beach e Coco.

2. Smart Beach

Per chi non volesse rinunciare a essere iperconnesso in qualsiasi situazione, anche sotto l’ombrellone c’è la possibilità di non far scaricare mai troppo lo smartphone grazie alla startup marchigiana Smart Beach. I tre ingegneri che hanno fondato l’azienda sono cresciuti a San Benedetto del Tronto e hanno imparato l’importanza di valorizzare in termini economici il patrimonio naturale della loro terra. Hanno innanzitutto sviluppato un sistema, Open your beach, per l’apertura automatica degli ombrelloni sfruttando la tecnologia wireless. Hanno poi pensato a rendere disponibile sull’applicazione il menu della struttura in cui ci si trova, così che i clienti possano ordinare direttamente dalla spiaggia ciò che desiderano, Get Eat. Infine, hanno messo a disposizione una porta usb per ricaricare lo smartphone dall’ombrellone.

3. Sea Conditions

Se si apre il sito di Sea Conditions, si può avere l’impressione di visitare un portale dedicato agli esperti di meteorologia. In realtà, sebbene le informazioni fornite vengano direttamente dal servizio dell’Aeronautica Militare, si tratta di una semplice applicazione disponibile per Android e iOS che consente di verificare le condizioni atmosferiche e marine della località in cui si sta per andare in vacanza. Altezza delle onde, forza del vento e possibilità di precipitazioni nei giorni del soggiorno giusto per essere preparati a ogni evenienza.

4. Beachill

Può andare bene per la spiaggia, ma può essere posizionato in qualsiasi ambiente in cui valga la pena sdraiarsi per un po’ di relax. Stiamo parlando di Beachill, il materassino hi tech che offre ai suoi utilizzatori una serie di comfort mai prima sperimentati. Consente di ricaricare il cellulare, ha un frigorifero incorporanto in cui poter tenere in fresco bibite e cibo, ha una tasca in cui riporre gli oggetti personali ed è anche dotato di un pannello solare per generare energia. Il tutto accompagnato a un design che si adatta al corpo e che assicura comodità.

5. Australian Gold Italia

Il principale scopo di Australian Gold Italia è quella di consigliare i prodotti per la cura della pelle più adatti a ciascun fototipo, con tanto di segnalazione del rivenditore autorizzato del noto marchio di solari nelle vicinanze. Oltre a questa funzione, però, sull’applicazione è consultabile anche un catalogo di alcune delle migliori spiagge italiane. Si chiama Portami al mare ed è una guida alle principali località balneari, con descrizioni e recensioni degli utenti che ci sono passati in precedenza. L’applicazione è in grado di consigliare anche le spiagge più adatte a ciascun utente in base alle sue preferenze in termini di mondanità e di tipologia di frequentatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Soundreef, la startup che ha sfidato i monopoli: «Che lavoro essere controcorrente»

Operano in 36 Paesi, fatturano 5 milioni di euro, contano un team di 25 persone. Davide D’Atri, CEO di Soundreef, una delle dieci realtà d’eccellenza finaliste di SIOS nel 2015 ci racconta che cosa è cambiato da quel giorno. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017