Superhot: lo sparatutto a metà strada tra Matrix e una partita a scacchi
single.php

Ultimo aggiornamento il 15 luglio 2020 alle 6:55

Superhot: lo sparatutto a metà strada tra Matrix e una partita a scacchi

Lo abbiamo testato poche ore prima del lancio su PS4. La nuova espansione Mind Control Delete è una piacevole riconferma

Due milioni di persone potrebbero ricevere gratis l’espansione se hanno già comprato la prima versione di Superhot. Mind Control Delete è l’espansione in uscita domani, giovedì 16 luglio, anche su PlayStation 4, realizzata dall’omonima software house indie che ci ha già abituato a scenari freddi, minimalisti, dove il dettaglio non importa e il chiarore degli ambienti viene disturbato dal rosso acceso di nemici armati di cattive intenzioni, pistole e mazze. StartupItalia ha testato questo titolo a poche ore dal lancio su console. Come ha ricordato The Verge, il videogioco stand-alone si è riuscito a guadagnare un discreto pubblico negli ultimi anni.

Leggi anche: The Last of Us 2, oggi esce un videogioco storico. Ecco perché

Superhot, il fattore tempo

Per chi non avesse mai giocato a questo titolo deve sapere che, a differenza di altri sparatutto, Superhot può essere definito perfino riflessivo. Giocando in prima persona, il tempo scorre velocemente soltanto se ci muoviamo nello spazio con frenesia, mentre rallenta di molto se rimaniamo calmi, per valutare la situazione di scontro e prepararci a schivare i proiettili. Quasi fosse una partita a scacchi. Perché mai rinunciare a questa notevole scorta di pazienza se si vuole sopravvivere…

Leggi anche: The Great Perhaps: su PS4 una startup russa denuncia gli orrori dell’URSS

Il gioco procede per scenari diversi di scontro, dal più semplice match con un singolo avversario disarmato da neutralizzare con un pugno, alla mischia vera e propria dove occorre evitare colpi ripetuti e disarmare i nemici lanciandogli addosso di tutto.

Leggi anche: CrossCode, su PS4 il vintage 16-bit fa un figurone. Grazie al crowdfunding

Tutta un’esplosione

Il sistema di gioco di Superhot Mind Control Delete dà la possibilità di afferrare qualsiasi oggetto durante lo scontro, anche la stessa pistola sfuggita di mano al nemico. Una volta che lo neutrlizzeremo, la grafica ci regalerà un’esplosione di poligoni rossi in mille pezzi. Questo è lo stile del titolo, originale e estremamente videoludico per chi vuole concedersi qualche mezz’ora in stanze virtuali, dove quel che conta è sopravvivere.

Leggi anche: DOOM Eternal, il re degli sparatutto torna per salvare la Terra

Per quanto essenziale nella grafica, Superhot Mind Control Delete ha mantenuto lo slow motion quando si sconfigge il  nemico. Il titolo scorre veloce, soprattutto quando c’è da ricaricare una partita finita in game over. E, ve lo garantiamo, non saranno poche le volte in cui dovrete ripercorrere lo stesso corridoio per capire come liberarvi dell’anonimo villain che vi si para di fronte.

Il successo e il crowdfunding

I livelli sono 32 e, a differenza del primo titolo, l’espansione dà la possibilità di collezionare vite (da 2 a 5 cuoricini ben visibili sullo schermo). Inoltre Superhot Mind Control Delete dà accesso a una serie di temporanei o definitivi potenziamenti: c’è chi sceglierà di cominciare il turno già armati, o di avere qualche stamina in più, oppure generare un nuovo proiettile salva vita. Su PC il titolo aveva già raccolto apprezzamenti (in numeri: un più che onorevole 79 su Metacritic). Il progetto era infine passato anche lungo il sentiero del crowdfunding: su Kickstarter Superhot aveva raccolto oltre 250mila dollari nel 2017.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter