Bezier: Second Edition, su Nintendo lo sparatutto minimalista
single.php

Ultimo aggiornamento il 19 Gennaio 2021 alle 12:00

Bezier: Second Edition, su Nintendo lo sparatutto minimalista

Un viaggio eroico con una colonna sonora davvero eccezionale

Su Nintendo Switch Bezier: Second Edition – sviluppato da Thalamus Digital Publishing – si presenta come uno shooter all’interno di una arena buia e senza vie di uscita. La voce narrante che a inizio gioco ci dà l’introduzione alla trama essenziale fa capire che il nostro protagonista – un’entità geometrica – deve evadere da un computer, assimilato a una sorta di tiranno. I nemici da eliminare in una serie di round a tempo assumono anche essi forme fluide e, per certi versi, anche oniriche. Forse il titolo non brilla per originalità, ma alcuni aspetti lo rendono comunque un prodotto ideale per gli appassionati del genere. A cominciare dal sound design, con 80 minuti di colonna sonora davvero eccezionale.

Leggi anche: Death Ray Manta SE, su Nintendo il pesce robot in una arena psichedelica

Bezier: Second Edition. Soli contro tutti

Il gameplay è intuitivo su Bezier: Second Edition. Con la levetta sinistra ci si sposta nell’arena, dirigendosi verso i nemici o sfuggendo dalla mischia; con la levetta destra invece si spara dando la giusta traiettoria per eliminare le orde avversarie. Qualsiasi tasto si schiacci tra X, Y, B e A amplia la potenza di fuoco con proiettili intelligenti che inseguiranno gli obiettivi nelle immediate vicinanze. Il titolo regala momenti di divertimento, soprattutto quando si combatte in un fazzoletto, con gli spazi stretti da cui sfilarsi il prima possibile. Il giocatore può comunque scegliere tra i classici tre livelli di difficoltà (facile, medio, difficile) per farsi le ossa pian piano.

Leggi anche: G.I. Joe: Operation Blackout: su PS4 tornano i soldatini anni ’80

Più avanti si procede in Bezier: Second Edition, più le arene si affollano. Lo spazio è ridotto e le manovre dovranno essere sempre più veloci per posizionarsi al meglio sul terreno di gioco. Le armi – sette in tutto – si sbloccheranno mano a mano e saranno necessarie per distruggere ben 100 tipi diversi di nemici.

Leggi anche: Superhot: lo sparatutto a metà strada tra Matrix e una partita a scacchi

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter

  • Ti potrebbe interessare anche