Sorpresa, la vecchia sonda Voyager 2 si è risvegliata | The Next Tech
single.php

Ultimo aggiornamento il 7 febbraio 2020 alle 12:02

Sorpresa, la vecchia sonda Voyager 2 si è risvegliata

Al lavoro da più di 40 anni, era sparita a seguito di un guasto, ma ora ha ripreso i contatti con la Terra

Se ne era andata dolcemente, lo scorso 25 gennaio, probabilmente a causa di un guasto. E le possibilità di recuperare le comunicazioni sembravano ridotte al lumicino. Del resto viaggia nello spazio da 43 anni. Invece la sonda Voyager 2 della Nasa si è risvegliata all’improvviso ed è già tornata subito al lavoro.

© NASA

Leggi anche: Wolf Cukier, stagista 17enne scopre un pianeta dopo 3 giorni di tirocinio alla Nasa

Voyager 2 ai confini dello spazio interstellare

La sonda al momento si trova a circa 18,5 miliardi di chilometri dalla Terra. Il suo “bip” ha impiegato 17 ore per avvertire i tecnici del Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa dell’avvenuto risveglio. Questo fa sì che ci vorranno giorni per rimettere in sesto, da remoto, la sonda dato che bisogna aspettare 17 ore per compiere qualsiasi operazione e attendere altre 17 ore per avere responsi da Voyager 2.

Leggi anche: Nasa, il supercomputer green per tornare sulla Luna

Ma la notizia più importante riguarda il fatto che, per la Nasa, la Voyager 2 avrebbe già ripreso a raccogliere dati scientifici in totale autonomia. In quasi 43 anni di attività, la sonda e la sua gemella, Voyager 1, hanno esplorato i confini del Sistema solare, dirigendosi infine nello spazio interstellare.

Leggi anche: La NASA invita gli studenti a scegliere il nome del rover Mars 2020 (con un concorso)

I dati più recenti della Voyager 2 risalgono al novembre 2019, quando la sonda aveva documentato per la prima volta l’esistenza di un punto nello spazio in cui il vento di particelle proveniente dal Sole incontra il vento interstellare.

Leggi anche: Il robot della Nasa che cercherà vita su Europa

Voyager 2 era stata lanciata il 20 agosto 1977. Attualmente è il veicolo spaziale che l’uomo è riuscito a spedire più lontano nel Sistema Solare. Voyager 2 aveva lasciato dietro di sé i confini “conosciuti” del nostro sistema nel novembre 2018 sulle orme della gemella, Voyager 1, che aveva compiuto lo stesso viaggio cinque anni prima, nel settembre 2013.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter